WifeLike – E se fosse ciò che ci aspetta?

WifeLike è un film di fantascienza del 2022, disponibile su Netflix, che tratta un argomento molto attuale: l’uso dell’Intelligenza Artificiale. 

Infatti la società WifeLike progetta delle androidi dotate di IA per essere delle mogli perfette e su misura per gli uomini di questo mondo maschilista e misogino. Tutti coloro che possono permettersi il loro elevato costo le acquistano, il più delle volte dopo un matrimonio fallito con una donna in carne e ossa. Complimenti! Probabilmente siete così idioti che ci vuole un robot per sopportarvi.

WifeLike

Come per esempio succede a William Bradwell (Jonathan Rhys-Meyers) che quando perde l’amata moglie Meredith (Elena Kampouris), viene premiato dall’azienda con una perfetta replica della donna, progettata per comportarsi esattamente come lei. L’uomo è il detective addetto al recupero di queste compagne dopo che un’organizzazione di dissidenti, la SCAIR, si batte per liberarle, visto che in qualche modo hanno sviluppato una loro coscienza. Ma state attenti, le cose non sono come sembrano…

È stato stranissimo guardare WifeLike, un film che dipinge un futuro non tanto distopico come può sembrare, in cui le interazioni umani e sociali saranno sostituite della tecnologia… non è troppo lontano da quello che sta succedendo vero?

Queste androidi sono davvero inquietanti: sempre perfette, servizievoli, disponibili per tutti i desideri dei loro “mariti”… come vivere costantemente in biancheria intima e tacchi a spillo. È stato disturbante da vedere. Ve l’avevo detto che il maschilismo regna sovrano.

William non si comporta diversamente con Meredith, per lui l’amore è aver regalato alla moglie una vita perfetta in cui non deve più preoccuparsi di nulla, deve fare solo… la schiava e compiacerlo.

WifeLike

Piano piano scopriamo tutto quello che si nasconde sul loro passato… ancora più brutto di quanto avevo immaginato.

Proprio questa è la parte più interessante del film su cui bisognava puntare di più. Poca azione e molto erotismo portano a un finale aperto, ma spero non ci sia un seguito.

Menzione d’onore va a Elena Kampouris: sembra davvero un’androide, è stata davvero bravissima mentre Jonathan Rhys Meyers è monoespressivo… assomigliando più a un robot che all’umano che dovrebbe essere.

/ 5
Grazie per aver votato!

Prediligo i fantasy e gli storici ma non disdegno ogni tanto zampettare tra thriller e polizieschi. Sono molto timida ma a volte non lo posso nascondere… gote rosse e occhi a cuoricino non mentono. Regalatemi una fontana che sgorga continuamente cioccolato e mi farete molto felice. Mi piacciono anche i libri e lo sport, ma odio gli zombie!

Pubblicato da Serena

Prediligo i fantasy e gli storici ma non disdegno ogni tanto zampettare tra thriller e polizieschi. Sono molto timida ma a volte non lo posso nascondere… gote rosse e occhi a cuoricino non mentono. Regalatemi una fontana che sgorga continuamente cioccolato e mi farete molto felice. Mi piacciono anche i libri e lo sport, ma odio gli zombie!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments