Wednesday: Curiosità… a Mano

Wednesday, sbarcata su Netflix il 23 novembre, ha avuto un successo immediato e risulta essere una delle serie più viste al mondo. Scopriamo insieme qualche curiosità sulla ragazzina che ha stregato tutti e sul mondo che la circonda. Qui se volete sapere cosa ne pensiamo.


Dopo la celebre Mercoledì di Christina Ricci (apparsa qui come Ms. Marilyn Thornhill, una delle insegnanti della Nevermore Academy, in una sorta di passaggio di testimone), questa volta tocca a Jenna Ortega che, per prepararsi a interpretarla ha preso lezioni di violoncello, scherma, tiro con l’arco, tedesco, canoa e ha lavorato duramente per ricreare la fisicità della Addams. Camminava o correva pensando al ruolo, provando diversi portamenti o pose per sembrare sicura e risoluta. Una vera professionista che ha improvvisato una delle scene più belle, il ballo scolastico alla Nevermore Academy mentre aveva il COVID:

È stato pazzesco. Era il mio primo giorno con il COVID, quindi è stato terribile filmare questa scena. Mi sentivo come se fossi stata investita da un’auto e come se un piccolo goblin si fosse scatenato nella mia gola e stesse graffiando le pareti del mio esofago. Mi davano medicine tra una ripresa e l’altra perché stavamo aspettando il risultato del mio test per il COVID.

Niente è stato lasciato al caso insomma, a partire dai capelli. Il team di acconciature e trucco ha cercato un equilibrio tra il look originale e un nuovo aspetto più contemporaneo. Jenna Ortega ha una frangia che Tim Burton stesso le ha sistemato con un pettine. Per creare le trecce i parrucchieri hanno passato tre ore a provare diversi tipi di extension fino a trovare lo spessore e la lunghezza giusti. La nuca di Jenna era rasata per mantenere la linea dell’attaccatura dei capelli sempre perfetta.

Wednesday

Wednesday veste solo di nero o di bianco, mentre l’abbigliamento di tutti gli altri è colorato per far sempre spiccare la protagonista.
Anche la cittadina di Jericho è stata concepita in netto contrasto con la Nevermore Academy: tutto è a toni chiari e non esiste il nero e quando Mercoledì ci va sembra subito fuori posto. Questi dettagli sono stati curati dalla costumista premio Oscar Colleen Atwood, che collabora con Burton da molti anni e ha combinato elementi dello streetwear contemporaneo con tendenze di moda ispirate al mondo della musica, in particolare a Billie Eilish

I disegni e i motivi che Mercoledì ha sull’uniforme bianca e nera di sartoria della Nevermore sono fatti a mano. Colleen ha acquistato l’abito per il ballo Rave’N dalla boutique londinese di Azzedine Alaïa e l’ha leggermente modificato. I vari gruppi della scuola hanno dettagli speciali nei costumi che li contraddistinguono, per esempio i Pelosi (lupi mannari) hanno elementi di pelliccia o stampe animalier, gli Stoner (gorgoni) hanno dei costumi più larghi e simili a pigiami.

Le scenografie

Wednesday è stata girata in 70 location e in sei teatri di posa. 

Un grande lavoro è stato fatto dagli scenografi che hanno costruito l’intera città di Jericho in Romania, ispirandosi all’idea di una tipica cittadina del New England. I miglioramenti in CGI sono minimi e quasi tutto è stato costruito realmente, persino il campanile della chiesa, con l’aiuto degli studenti di architettura e scultura e artisti locali a Bucarest.

Diverse riprese della Nevermore Academy sono state realizzate nel Castello di Cantacuzino sul versante rumeno dei Carpazi, con qualche ritocco in CGI. Lo scenografo Mark Scruton voleva che la scuola sembrasse un maniero in stile gotico del New England con richiami all’architettura di Bucarest: un enorme ammasso di architettura eclettica, con influenze rinascimentali e ottomane filtrate attraverso la Transilvania. Mescolare stili diversi per lui rappresentava il fatto che fosse un rifugio di tolleranza per i vari tipi di reietti.

Wednesday

Il mostro principale è stato ideato da Burton in persona e con un suo schizzo (una copia di quello originale è affisso alla parete della capanna di Xavier) il team creativo ne ha realizzato il modello

L’automobile della famiglia Addams è stata assemblata con pezzi provenienti da due auto diverse e pende dal lato del guidatore per far sembrare Lurch più grande.

Mano

Arriviamo a Mano, il complice-assistente-alleato di Mercoledì: è un attore in carne e ossa con qualche ritocco in CGI. L’interprete è Victor Dorobantu, un mago che ha recitato per la prima volta proprio in questa serie.

Per le scene in cui compare Mano, Dorobantu passava tre ore a prepararsi e doveva indossare un vestito blu ogni volta che il suo personaggio era davanti alla telecamera in modo che il team di VFX potesse eliminarlo nella fase di post-produzione. Ha spesso dovuto mettersi in posti inusuali sul set per fare le riprese correttamente, come a testa in giù, sotto il pavimento, dietro le pareti e persino dentro ai muri. Il team aveva a disposizione una valigia piena di mani protesiche in diverse posizioni pronte all’occorrenza per sostituirlo.

Victor è specializzato nei trucchi di magia che mostrano movimenti delle mani in primo piano e ha un tatuaggio proprio di una mano sul braccio da prima che ottenesse il ruolo. Destino? Durante le riprese, se ne è fatto un altro ispirato alla copertina del libro The Nightshade Society che compare nella serie: Mi piace molto avere tatuaggi simbolici. Dato che questa serie è la cosa più bella che mi sia mai accaduta, ho dovuto metterla sulla mia pelle.

Per prepararsi al ruolo, ha inoltre contattato Christopher Hart, che aveva interpretato il personaggio nei film La Famiglia Addams negli anni ’90 ed è anche lui un mago di professione, per scoprire il più possibile.


Wednesday è stato un vero successo di Tim Burton (vi siete accorti che in tutta la serie sono nascosti richiami alla sua cinematografia a partire dalla parete sul retro del Weathervane Cafe, decorata con banderuole segnavento speciali che rappresentano immagini dei film del regista?), voi l’avete vista?

/ 5
Grazie per aver votato!

Prediligo i fantasy e gli storici ma non disdegno ogni tanto zampettare tra thriller e polizieschi. Sono molto timida ma a volte non lo posso nascondere… gote rosse e occhi a cuoricino non mentono. Regalatemi una fontana che sgorga continuamente cioccolato e mi farete molto felice. Mi piacciono anche i libri e lo sport, ma odio gli zombie!

Pubblicato da Serena

Prediligo i fantasy e gli storici ma non disdegno ogni tanto zampettare tra thriller e polizieschi. Sono molto timida ma a volte non lo posso nascondere… gote rosse e occhi a cuoricino non mentono. Regalatemi una fontana che sgorga continuamente cioccolato e mi farete molto felice. Mi piacciono anche i libri e lo sport, ma odio gli zombie!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments