Le 10 morti più tristi delle serie tv 

Le serie tv sono diventate una parte importante della nostra vita. Gli spettatori si affezionano ai personaggi che guardano settimana dopo settimana, stagione dopo stagione, tanto da emozionarsi con e per loro e quando uno di loro muore, fa male come se fosse un amico. 

Oggi abbiamo una vena sadica e abbiamo raccolto 10 tra le morti più tristi delle serie tv (in ordine casuale). 

morti più tristi delle serie tv
Buffy e Joyce Summers in Buffy, l’ammazzavampiri

Joyce Summers (Buffy, l’ammazzavampiri)

Partiamo con un bel salto nel passato, Buffy, l’ammazzavampiri è una serie iconica degli anni ‘90/2000.

In molti si sono affezionati allo sgangherato gruppo di amici che si unisce nella lotta contro il male e per quanto possano essere i nostri preferiti, c’è stata una morte che ha sconvolto tutti.

Stiamo parlando di Joyce e della puntata intitolata Un corpo freddo (The Body), in cui Buffy trova il corpo senza vita della madre sul divano di casa, morta a causa di un aneurisma cerebrale.

morti più tristi delle serie tv
Ragnar in Vikings

Ragnar (Vikings) 

Vikings è Ragnar Lothbrok, la serie è narrata dal suo punto di vista, parla della sete di conoscenza e della sua ambizione, della voglia di arrivare fino a dove nessun vichingo era ancora arrivato. La sua morte segna un punto di non ritorno per la serie.  

Il leggendario Ragnar viene ucciso nell’episodio E tutti i suoi angeli (All His Angels) da Re Aelle, il quale lo fa cadere in una buca piena di vipere che lo mordono a morte. 

morti più tristi delle serie tv
Mark Greene in E.R.

Mark Greene (E.R.) 

Potremmo considerare E.R. – medici in prima linea il papà di tutti i medical drama, prima di lui il nulla. I suoi personaggi restano nel cuore degli spettatori per carisma e bravura. Uno tra tutti è il dottor Mark Greene. Volto buono della serie, competente e fulcro del pronto soccorso. 

La sua morte sancisce un importante punto di svolta per E.R. Malato di tumore al cervello ormai inoperabile, Mark si trasferisce alle Hawaii con la figlia per passare gli ultimi mesi di vita.  

morti più tristi delle serie tv
Bobby Singer in Supernatural

Bobby Singer (Supernatural) 

Bobby Singer era il padre adottivo dei fratelli Winchester in Supernatural.  
Bobby ha fornito l’amore genitoriale che mancava nella vita di Sam e Dean. Così, mentre moriva lentamente a causa di una pallottola in testa in “Death’s Door”, le visioni che aveva sui ragazzi sono state un colpo al cuore per il pubblico, perché mostravano quanto Bobby li amasse. 

morti più tristi delle serie tv
George O’Malley in Grey’s Anatomy

George O’Malley (Grey’s Anatomy) 

Grey’s Anatomy è famoso per le sue innumerevoli morti e non parlo dei pazienti, ma proprio dei dottori che ci accompagnano da diverse stagioni. Quella che ha segnato più di tutte è stata quella di George O’Malley. 

Difficile non empatizzare con lo specializzando sempre sorridente, goffo e sfortunato in amore. Il suo personaggio ci lascia alla fine della quinta stagione e il momento più straziante dell’episodio è quando Meredith lo riconosce e sa che non potrà salvarlo. 

morti più tristi delle serie tv
Hodor in Game of Thrones

Hodor (Game Of Thrones) 

Hodor, uno dei personaggi secondari più tristi di Game of Thrones, non aveva ambizioni o intenzioni maligne di arrivare al trono ed era ferocemente leale alla Casa Stark e a Bran.  

L’ultimo atto di altruismo di Hodor, che ha tenuto chiusa la porta contro gli Estranei per permettere a Bran di mettersi in salvo, è stata una delle scene più strazianti della serie.

Glenn in The Walking Dead

Glenn (The Walking Dead) 

Una delle morti più brutali in The Walking Dead è quella di Glenn, uno dei personaggi più popolari della serie AMC e tra i rari protagonisti dello show ancora buoni. Forse troppo. 
Viene ucciso da Negan in un modo orribile nell’episodio introduttivo in cui il capo dei Salvatori vuole distruggere Rick Grimes e il suo gruppo, terrorizzandoli.

morti più tristi delle serie tv
Charlie Pace in Lost

Charlie Pace (Lost) 

Charlie è uno dei sopravvissuti del volo Oceanic 815 ad aver avuto un’evoluzione spettacolare durante le stagioni di Lost
Il suo ultimo atto di altruismo, in cui si chiude in una stanza per proteggere gli altri da una bomba che avrebbe rovinato le loro possibilità di sopravvivenza, ha completato splendidamente il suo personaggio. Se Charlie non avesse subito una tale trasformazione, la sua morte non avrebbe avuto un grande impatto e merita di essere menzionata tra le morti più tristi delle serie tv. 

Jack Pearson in This is us

Jack Pearson (This is us) 

Jack Pearson è il filo conduttore di This is Us. La sua morte a causa dell’incendio della loro casa ha pesato sui figli e sulla moglie. A partire da Kate che si è sentita in colpa per avergli chiesto di salvare il cane bloccato in casa. Randall si è preso sulle spalle il peso la famiglia anche se era solo un ragazzo. Kevin si è buttato nell’alcol sempre nel terrore di non essere all’altezza del genitore. Su Rebecca è sceso un fulmine a ciel sereno: sembrava che tutti si fossero salvati e invece… Jack non ce l’ha fatta lasciandola sola con 3 figli adolescenti. 

Richard ed Emily Gilmore in Una mamma per amica

Richard Gilmore (Una mamma per amica) 

Lorelai Gilmore con la sua folle famiglia ci ha tenuto compagnia per anni. Abbiamo imparato ad amare Richard Gilmore come il nonno e papà presente, amorevole e paziente che era. La sua morte non è stata solo su schermo, perché Edward Hermann che lo interpretava così magistralmente ci ha lasciato improvvisamente per un tumore.  

Quali sono secondo voi le morti più tristi delle serie tv? Ne abbiamo sicuramente tralasciate tante, scrivetele nei commenti!  

/ 5
Grazie per aver votato!

Avete presente quando inizia a piacervi un personaggio e dopo cinque minuti muore o quando alla fine di una serie che vi è piaciuta tanto ne annunciano la cancellazione? Ecco, quello è il mio mai una gioia personale. Ho un talento naturale nel trovare le brutture più indicibili da guardare e dopo averlo fatto mi consolo divorando patatine e horror.

Pubblicato da Maria Grazia

Avete presente quando inizia a piacervi un personaggio e dopo cinque minuti muore o quando alla fine di una serie che vi è piaciuta tanto ne annunciano la cancellazione? Ecco, quello è il mio mai una gioia personale. Ho un talento naturale nel trovare le brutture più indicibili da guardare e dopo averlo fatto mi consolo divorando patatine e horror.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments